IL CENTRO DIURNO

DEFINIZIONE
Il progetto Obiettivo Anziani della Regione Lombardia definisce il Centro Diurno come un “Servizio che opera in regime diurno, in grado di fornire un regolare supporto a situazioni precarie, in alternativa al ricovero a tempo pieno.” Pertanto il CD:
• si colloca nella rete dei servizi socio-sanitari con funzione intermedia tra l’assistenza domiciliare e le strutture residenziali;

• si rivolge, elettivamente, a soggetti anziani che presentano vari livelli di compromissione dell’autosufficienza;

• ha la finalità generale di contribuire al miglioramento delle qualità della vita dell’anziano e di sostenere le famiglie che assistono anziani, in particolare evitando o ritardando l’istituzionalizzazione.

UBICAZIONE

Centro Diurno è collocato al piano inferiore della Casa di Soggiorno, dispone di accessi sia indipendenti, sia comuni alla Casa di Soggiorno essendo direttamente collegato alla stessa.

OBIETTIVI
Sono da considerarsi obiettivi del CD:
• farsi carico di quelle situazioni divenute troppo impegnative per la sola assistenza domiciliare, quando questa non è in grado di garantire la necessaria intensità e continuità degli interventi;

• offrire, in regime di accoglienza diurna, prestazioni socio-assistenziali;

• garantire alle famiglie un sostegno reale e momenti di tutela e di sollievo.

DESTINATARI
Sono destinatari del CD persone anziane, trasportabili, residenti nel Comuni limitrofi a Sirmione, che presentino le seguenti caratteristiche:
1. persone con compromissione parziale dell’autosufficienza, sole o inserite in famiglie non in grado di assolvere in forma duratura al carico assistenziale;
2. autosufficienti a rischio di emarginazione, per i quali l’assistenza domiciliare risulta non idonea.

CAPACITA’ RICETTIVA Al CD
possono accedere un massimo di 25 persone nei giorni e negli orari stabiliti, in conformità all’Autorizzazione al Funzionamento rilasciata dalla Comune di Sirmione.

APERTURA E FUNZIONAMENTO
L’accesso al CD è assicurato, 7 giorni su 7, per tutti gli utenti nella fascia oraria compresa tra le ore 8,30 e le ore 20:00.
Giornata tipo ed orari C.D.:
H 8,15 – 8,30 Arrivo in struttura
H 8,30 -11,45 Colazione , ginnastica dolce, di animazione e assistenziali.
H 11,45 Preparazione per il pranzo
H 12,00 – 13,00 Pranzo
H 13,00 – 14,30 Riposo pomeridiano
H 14,30 – 15,00 Distribuzione bevande e merenda

H 15,00 – 16,30 Attività varie di animazione e di socializzazione
H 16,30 – 17,00 Rientro in famiglia con pulmino

MODALITA’ DI AMMISSIONE
La segnalazione del bisogno può essere inoltrata dall’interessato, da un familiare, dall’assistente sociale comunale o semplicemente da un conoscente, agli uffici amministrativi della Casa di Soggiorno. Alla domanda di ammissione deve essere allegato un certificato medico relativo allo stato di salute dell’utente compilato dal medico di base. La proposta di ammissione è definita dal Responsabile del C.D.

ARTICOLAZIONE DEGLI SPAZI
Gli spazi esclusivi del Centro Diurno sono costituiti da:
• locale soggiorno/pranzo e spazio tisaneria;
• locale riposo;
• bagno assistito attrezzato con 1 WC;
• servizio igienico attrezzato per disabili;
• servizio igienico per il personale CD.

Il C.D. è dotato inoltre dei seguenti spazi e servizi condivisi con la Casa di Soggiorno:
• ufficio per attività amministrative e di segreteria;
• giardino, parco e verde attrezzato;
• palestra;
• infermeria;
• cucina, dispensa e locali accessori;
• locale attrezzato per barbiere – parrucchiere;
• locale collettivo con distributori automatici di bevande fredde, calde e snack.

TRASPORTI
Gli utenti residenti a Sirmione o nei paesi limitrofi, possono beneficiare del servizio trasporti gestito ed organizzato dalla stessa Casa di Soggiorno che assicura quotidianamente (dal lunedì al venerdì) sia l’accesso mattutino (8.15-8.45), sia il rientro pomeridiano (16.30 – 17.00).
Al momento della presentazione della domanda di ammissione al CD, dovrà essere segnalata l’esigenza di avvalersi del servizio trasporti.

PIANO DI ASSISTENZA INDIVIDUALE – MODALITA’ DI ACCOGLIENZA
Prima dell’inserimento dell’utente nel Centro Diurno viene effettuata una preliminare presentazione all’equipe del servizio. Entro i primi 15-20 giorni viene compilato un piano individuale di intervento denominato P.A.I. (Piano di Assistenza Individuale) che dovrà contenere e fare riferimento ai seguenti elementi essenziali:
– l’individuazione dei bisogni;
– la valutazione multidimensionale;
– la definizione degli obiettivi;
– la metodologia dell’intervento;
– le prestazioni e il carico assistenziale;
– gli operatori coinvolti;
– gli aspetti relazionali e gli interessi;
– gli impegni dei vari soggetti;
– i tempi e le modalità di verifica.
La scheda verrà utilizzata nei momenti di verifica, che sono previsti a cadenze prestabilite dalla direzione. Per ogni persona viene inoltre redatta una cartella individuale interdisciplinare, che raccoglie tutta documentazione relativa a tale ospite.

PRESTAZIONI
Le prestazioni offerte dal Centro Diurno sono costituite da:

Servizi alla persona
– somministrazione dei pasti;
– cura e igiene giornaliera e al bisogno;
– bagno assistito;
– aiuto nella deambulazione;
– aiuto e sorveglianza nelle attività della vita quotidiana;
– cambio ausili vari;

Servizi sanitari
Controllo dei parametri clinici;
Trattamenti farmacologici e medicazioni;
Trattamenti di riabilitazione individuali e di gruppo;

Servizi di Animazione e Socializzazione
Attenzione agli interessi individuali dell’utente; Attività preventive per rallentare il decadimento fisico e mentale.

FINALITA’ DEGLI INTERVENTI

Igiene personale e assistenza
Queste attività devono consentire il mantenimento delle migliori condizioni fisiche possibili ed il recupero di interesse alla cura della propria persona, attraverso una presenza discreta ma attiva, sia in fase di stimolo che di aiuto.

Riabilitazione e mobilizzazione
L’attività motoria ha lo scopo di aiutare a ristabilire la motricità dell’anziano attraverso l’esecuzione di semplici esercizi fisici. Tali interventi intendono favorire l’autosufficienza nel movimento quotidiano, attraverso il mantenimento di una corretta deambulazione e l’uso di accorgimenti e ausili per lavarsi, vestirsi, alimentarsi in proprio.

Servizio medico-infermieristico
L’intervento è finalizzato al controllo e monitoraggio costante delle condizioni generali di salute dell’utente nonché alla prevenzione e cura delle malattie.

Animazione
Le attività espressive individuali e di gruppo hanno la finalità di valorizzare le capacità residue degli ospiti, intellettive, affettive, emozionali e di riscoprire capacità dimenticate o trascurate con il passare degli anni.
Inoltre, tenuto conto della particolare tipologia di utenza cui il servizio rivolto, verrà riservato un forte investimento ad attività finalizzate alla riabilitazione cognitiva (mediante l’uso di tecniche specifiche) e comportamentali.

GESTIONE
La gestione del servizio è affidata alle figure professionali sotto indicate, così distinte:
1 Responsabile (direttore);
1 Medico;
1 Infermiere Professionale;
1 Animatore;
2 Operatori.
Il personale addetto al CD sarà dotato di un cartellino di riconoscimento, visibile all’ospite e ai suoi famigliari che riporti fotografia, nome, cognome e qualifica professionale.

RETTA
La retta del Centro Diurno è fissata annualmente dal Consiglio di Amministrazione della società. Gli uffici amministrativi predispongono e rilasciano, entro il mese di anticipato la fattura che dovrà essere saldata entro il 5 di ogni mese.
La Retta del C.D. comprende:
• Alloggio nelle ore diurne;
• Vitto;
• Supporto e protezione nelle attività quotidiane e nella cura della persona;
• P.A.I;
• Assistenza medica geriatrica e valutazione periodica;
• Assistenza infermieristica;
• Interventi riabilitativi, fisioterapici ed occupazionali;
• Interventi di animazione di gruppo o individuali;
• Gite ed uscite in generale;
• Sostegno al contesto familiare (informazione ed educazione per l’utilizzo al domicilio di presidi, ausili e procedure per supportare le risorse assistenziali del nucleo familiare di appartenenza);

COINVOLGIMENTO DEI FAMILIARI
Il coinvolgimento dei familiari avviene in tutte le fasi dell’inserimento dell’utente al servizio. Ciò è importante al fine di avvicinare il familiare al servizio, evitare il manifestarsi di aspettative distorte, responsabilizzare il familiare, supportarlo nella propria funzione assistenziale e renderlo parte integrante del “progetto individuale di intervento”.

Infatti, già preliminarmente è possibile, sia da parte di utenti potenziali, sia dei loro famigliari, visitare il Centro Diurno. Nel corso dell’incontro di presentazione dell’utente al servizio viene consegnato al familiare il regolamento contenente gli aspetti principali di descrizione del servizio.

Il familiare viene invitato ad accompagnare il parente il primo giorno di attivazione del servizio, al fine di conoscere direttamente la struttura, gli operatori ed il funzionamento del Centro Diurno.

I familiari sono tenuti a consegnare agli operatori, all’atto dell’inserimento, quanto segue:
a) Farmaci e indicazione sulla terapia;
b) Precisazione su dieta alimentare;
c) Copia tessera sanitaria ed esenzione ticket;
d) Precedenti cartellini ospedalieri;
e) Nominativi medico di base;
f) Ausili vari (es: pannoloni, protesi, carrozzina ecc);
g) Cambio biancheria per emergenza;
h) Nominativo parente di riferimento.

Va precisato che anche l’utente, se in grado, deve essere coinvolto in tutte le fasi che lo riguardano: presentazione, definizione del progetto e verifica periodica. E’, inoltre, istituito un quaderno per le comunicazioni tra il CD e la famiglia, allo scopo di informare reciprocamente operatori e caregiver sulle notizie di salute rilevanti.

VALUTAZIONE DEI SERVIZI EROGATI
Con periodicità annuale, l’azienda somministra agli ospiti ed ai familiari un questionario per monitorare il grado di soddisfazione rispetto all’assistenza erogata ed ai servizi offerti.

Quindi l’esito della customer satisfaction viene socializzato con gli operatori attraverso le riunioni settimanali di reparto, mentre agli ospiti ed ai familiari viene inviata una comunicazione in cui sono indicati i luoghi dove sono depositati i documenti, comprensivi della statistica di lettura dei questionari e della relazione dell’équipe di direzione, nella quale sono esposte le azioni correttive e migliorative che saranno intraprese.

MODALITA’ DI DIMISSIONE
Le dimissioni, oltre che per espressa volontà dell’utente, avvengono:
– quando il piano di recupero dell’autonomia psico-fisica è stato completato (raggiungimento degli obiettivi del piano) ed il nucleo familiare, opportunamente supportato dai servizi territoriali, è in grado nuovamente di far fronte al carico assistenziale;

– quando la verifica dei risultati del progetto, fatta anche con la famiglia, determina l’impossibilità di proseguire l’intervento in regime diurno e si rende necessario il ricovero in regime residenziale o comunque si rende necessaria l’individuazione di servizi ed interventi diversi dal CD;

– trascorsi 15 giorni consecutivi di assenza per ricovero, malattia breve, vacanza, ecc..

SCHEDA DI SEGNALAZIONE DISFUNZIONI, RECLAMI E SUGGERIMENTI
L’Utente, in qualsiasi momento, può rivolgersi al Direttore (in sua assenza al personale di assistenza) per sottoporre segnalazioni o reclami relativamente ai servizi erogati. Per eventuali problematiche di tipo amministrativo, l’Utente potrà rivolgersi direttamente agli Uffici preposti.